Lunedì, 05 Dicembre 2011 16:12

L’uomo che non reggeva l’alcol

Scritto da 

Vi rivelo un piccolo secreto. Ho rischiato di vivere da astemio. Ebbene si, fino a circa 5/6 anni fa io ero: “L’uomo che non reggeva l’alcol”. Mi spiego: nonostante la mia vita fosse movimentata costantemente dal vino (leggi qui), io con il prodotto finito non andavo molto d’accordo. Il mio viso tendeva a diventare di un non molto rassicurante rubino intenso. 

Con tendenza al cianotico. Anche con un solo bicchiere! La cosa è stata così seria che più volte ho pensato di essere allergico a qualche sostanza che si trova nel vino.  Quindi cercavo di tenere l’alcol ben lontano dalla mia “dieta”. Ora il flashback nel passato appare come una delle peggiori cacofoniche bestemmie. Risulta così poco verosimile che le persone a me più vicine non perdono occasione per farsi una grossa grassa risata su questo repentino, quanto clamoroso, cambio, diciamo così, di tendenza.

Commenta questo articolo

Enrico Nera

Sono Enrico Nera, nasco in un piccolo paesino nella provincia sud di Roma il 6 settembre del 1980. Viti e botti entrano subito nella mia quotidianità. Come semplice bambino spettatore, guardo il lavoro di mio padre durante il susseguirsi della stagioni, dalla potatura invernale alla vendemmia autunnale. Ma la viticoltura necessita di forze, così inizio anch’io a dare il mio piccolo contributo. Ricordo ancora le risate di mio padre e mio fratello mentre mi guardano andare su e giù tra i filari ancora troppo alti per me. Ricordo ancora quando con mio nonno Tito, munito di bastone come unità di misura, ponevo nel terreno alla giusta distanza le barbatelle che mio padre avrebbe in seguito piantato per dar vita al nuovo vigneto. Le fatiche, le delusioni, ma anche le soddisfazioni di oltre 20 anni di lavoro della terra sono un alternarsi di emozioni che creano un susseguirsi di amore e odio. Come tutte le cose realmente belle, la grande passione per il vino e  per la viticoltura in generale diventa consapevole in me soltanto quando la distanza mi ha permesso di rielaborare i ricordi. Arriva il corso da sommelier, nasce ParliamoDiVino.com, finalmente posso liberare le mie emozioni nascoste per troppi anni. 

Articoli correlati (da tag)

  • Cento passi. La giusta distanza da tenere da una tentazione
  • Winewatchers. La classifica (parte seconda)
  • Silenzio parla Josko Gravner
  • Hangover fa tanto rima con Gameover
  • Per l'uomo (o la donna) che non deve chiedere mai. Compreso di tenergli la birra
  • Nessun commento trovato

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0 Restrizione caratteri
Il tuo testo deve essere più lungo di 10 characters